L’estasi del neon nelle giostre luminose di Sabine Barnabò

Le vie per arrivare alla luce sono infinite, ma una di quelle più mistiche probabilmente porta la firma della monzese Sabine Barnabò (all’anagrafe Kaerchner, tedesca di nascita), che da quando è entrata nel limbo delle iridescenze, è rimasta intrappolata nella bellezza innaturale delle sue stesse invenzioni.

Una boccata d’arte per rilanciarsi: a Biassono riecco i ‘momenti d’oro’ di Galanti

Neanche la circostanza avversa più inaspettata poteva scalfire l’entusiasmo di chi è abituato a guardare la realtà come una trasparenza continua, andando sistematicamente oltre il muro delle difficoltà.

Marina Giannobi, l’occhio indagatore delle zone oscure del visibile 🎙️

Un semplice accorgimento, e in un attimo lo sguardo rivaluta l’effimero e le entità spaziali che avevamo scartato, forse neanche notato, nobilitandole e visualizzandole sotto una luce diversa, quasi estatica.